Mensa scolastica : Una Torre di Babele. Ancora bagarre, vince Ristora.

Ancora un capitolo, non riconducibile alla gara, della questione mensa. Non si riesce a scrivere la parola fine.ad aggiudicarsi la gara non senza una forte polemica è stata la ditta Ristora, che seppur in via provvisoria ha la fornitura dei pasti nelle suole. Questi i punteggi totali: Ristora 94,88, Capital Vegezio 85,61, Quadrelle 80,86. Hanno concorso per l’assegnazione la Quadrelle, cooperativa che ha sede in Quindici ad Avellino, e poi i due raggruppamenti temporanei di impresa: quello formato dalla Ristora Food Service di Catania e dalla cooperativa di lavoro Solidarietà e Lavoro di Bari, e quello costituito dalle napoletane Capital Srl e Vegezio.
Momenti di forte tensione si sono verificate durante l’apertura delle buste – presso l’Assessorato alle politiche sociali – quando la Quadrelle la ditta che forniva i pasti precedentemente, ha chiesto l’esclusione delle altre due ditte perché secondo la Quadrelle, hanno omesso i costi relativi alla manodopera. Dopo forti momenti di concitazione La ditta Quadrelle ha comunque annunciato il ricorso al Tar.

La Ristora, vincitrice dell’appalto, è un’Ati che possiede un centro di cottura a Beltiglio. Tutto ciò alla presenza del neo assessora Del Prete, che si trova a dover gestire una patata bollente che sicuramente non finirà con l’assegnazione della gara. Si è svolto tutto con estrema correttezza si chiede Quadrelle? Come si fa ora a garantire con questi punteggi pasti sani? Sono queste le prime indiscrezioni registrate al momento dell’assegnazione della gara, spifferi che fanno alzare il livello di guardia e di tensione su una problematica che si trascina da troppi anni. Costerà la testa del neo assessore Del Prete quanto si è verificato nel pomeriggio???? Staremo a vedere ma di una cosa siamo certi….non finisce qui.

author