Comune di Benevento: Pronta una ordinanza che vieta di alimentare i piccioni? Allora salviamo il piccione Ryan.

Un plauso, anzi due, anzi tre, anzi……e come diceva il mitico TOTO’ nel film Totò Truffa, chi conterà i piccioni? Oppure per dirla alla Steven Spielberg, registra del film Salviamo il Soldato Ryan, con cui vinse il suo secondo premio Oscar per la miglior regia, c’è un’amministrazione che forse vuole concorrere all’idea più “geniale” dell’anno? Anche in altre città esiste l’ordinanza che vieta di dar da mangiare ai piccioni, ma tutto si consuma laddove queste presenze sono facilmente individuabili e circoscritte, (vedi Piazza San Marco, Piazzo Duomo ecc). L’assessore pro tempore al “ramo”, in una sua nota afferma: “Particolari emergenze di carattere igienico-sanitario, come ad esempio la presenza di ratti che in questi giorni stanno interessando specifiche zone della città – scrive – possono essere alimentate anche da piccole e apparentemente insignificanti azioni. Gli avanzi di cibo dato ai piccioni rientra sicuramente in tale fattispecie”. Noi riteniamo che la presenza di ratti in città è dovuta solo ed esclusivamente ad una assenza totale di pulizia, taglio dell’erbaccia, disinfestazione e pulizie di caditoie stradali ecc… Questi fenomeni si presentano dove non esiste una politica di igienizzazione della città, accompagnata da un piano ambientale adeguato alle esigenze. In passato non si è mai avuta traccia di ratti appollaiati su alberi, eppure i piccioni, ci stavano e come se ci stavano. La verità sta nel fatto che questa amministrazione, in una città di scarsi 60mila abitanti, naviga tra un assessore all’ambiente e un Consigliere delegato al verde, che forse non riescono a conciliare le esigenze dei cittadini e tergiversano tra forni crematori e inceneritori. I Comuni virtuosi in Italia, si sono dotati di professionisti competenti nel campo delle politiche ambientali e della sostenibilità, “che presso gli enti pubblici puntano a portare innovazione e processi ecologici utili ad una migliore vivibilità”. Nel pieno rispetto delle indicazioni dell’Osservatorio Mondiale della Salute, ma le amministrazione sono tenute a proporre soluzioni efficienti per ogni problema e non ordinanze inutili che hanno più il senso dell’apparire. Le lamentele dei cittadini sono rivolte alla massiccia presenza dei ratti e non di piccioni. Infine, ci chiediamo: è stata fatta una mappatura di dove sono presenti i piccioni? Risulta da qualche parte che i “turisti” o cittadini danno da mangiare? Per finirla alla TOTO’ “ IO CENTO NE FACCIO E UNA NE PENSO……”

author
No Response

Leave a reply "Comune di Benevento: Pronta una ordinanza che vieta di alimentare i piccioni? Allora salviamo il piccione Ryan."