Raffaele Del Vecchio ( PD ): NEL PD SI E’ “PERSO ANCHE IL SENSO DEL RIDICOLO”. Riparte la guerra interna.

Dopo le nomine interne al Partito Democratico relative alle aree tematiche, e la vicenda di Sant’AGATA dè Goti, mal digerita sia dai dirigenti che iscritti e simpatizzanti del partito, è riesplosa la “faida” interna tra le varie anime mai smesso di covare tra la componente che fa riferimento a Zingaretti e dell’aerea Delbassiana Valentiniana. E Raffaele Del Vecchio rappresentante dell’aria del Segretario Nazionale, ironicamente risponde al segretario provinciale che ha partorito la brillante idea di nominare anche responsabili per gli Esteri, con Claudio Ricci e Città ed aree Metropolitane , Giovanni De Lorenzo. Si apre una stagione dove sicuramente si dovrà chiarire definitivamente tutte le posizioni. A dire di Del Vecchio ” il fortino è nelle mani di pochi ” amici” non va nella direzione della segreteria nazionale aperta al confronto con società civile, terzo settore e ogni movimento. 

Apprendo da un lungo e trionfalistico comunicato stampa che il PD del Sannio ha varato un organismo al quale demandare il rilancio del partito nel nostro territorio. Venti componenti, tra uomini e donne, chiamati a “programmare lo sviluppo del Sannio”, come dichiarato da Carmine Valentino. Non si capisce se si tratti di una segreteria provinciale o di altro. È finanche offensivo pensare che si possa dare un contributo di idee per lo sviluppo del Sannio trattando materie come il Made in Italy, la Riforma dello Stato, gli Affari Esteri, le Aree Metropolitane. Mi domando se chi scrive queste stupidaggini si renda conto dell’effetto che può suscitare in chi le legge. Quando si perde il senso del ridicolo, purtroppo succedono queste cose. Pensavo che con il caso di Sant’Agata de’ Goti si fosse consumato l’ultimo atto del suicidio politico del PD, ma ormai siamo arrivati al vilipendio di cadavere. Mi sorprende che persone che hanno una storia politica alle spalle si siano prestate a recitare in questa ridicola pantomima. Il Sannio ha bisogno di altro”.

author