Mortaruolo: Interrogazione in Consiglio. Anestesisti rianimatori al Rummo, assicurato il servizio.

Il vicepresidente della Giunta regionale Bonavitacola risponde in Aula all’interrogazione di Mortaruolo

“Bisogna evitare ripercussioni sui livelli assistenziali dando prospettive idonee che siano in linea con il riconosciuto profilo di eccellenza del reparto di Anestesia e Rianimazione che si presenta come servizio sanitario importante per la vita dei cittadini”.
Nasce da questa premessa l’interrogazione presentata dal Consigliere regionale e Vicepresidente della Commissione Agricoltura della Campania, on.le Erasmo Mortaruolo che è stata questa mattina al centro del Question Time presso la sede del Consiglio regionale della Campania.

Lo scorso 13 giugno, infatti, il Consigliere Mortaruolo ha presentato un’interrogazione al Presidente De Luca e alla Giunta regionale per essere portato a conoscenza sulle azioni da intraprendere in merito all’organico di anestesisti rianimatori per scongiurare gravi ripercussioni sui livelli assistenziali delle prestazioni.

“Nell’interrogazione – rileva Mortaruolo – ho evidenziato che l’attuale organico di anestesisti rianimatori, formato da 15 unità, e i tempi lunghi per la conclusione del concorso per 5 unità bandito dalla Regione, siano di ostacolo alla garanzia del rispetto dei livelli essenziali di assistenza e alla tempestiva erogazione delle prestazioni con interventi rimandati e conseguente prolungamento dei tempi di attesa”.

Prosegue Mortaruolo: “Alla mia interrogazione ha risposto il vicepresidente della Giunta Regionale, Fulvio Bonavitacola il quale ha evidenziato che la problematica della carenza degli anestesisti riguarda tutte le aziende sanitarie della Campania; riconducibile, verosimilmente, a uno squilibrio tra domanda e offerta di tale professionalità riguardo i fabbisogni delle Aziende Sanitarie. Tale situazione è stata resa ancora più evidente dal recente sblocco del turn over in tutte le Aziende che ha determinato una redistribuzione dei professionisti nelle sedi a loro più graditi. Per far fronte a tale situazione, l’Azienda ha proceduto all’espletamento di apposita procedura per il reclutamento a tempo determinato di dirigenti medici di anestesia e rianimazione (delibera di indizione – Avviso n. 60 del 24 gennaio 2017), la cui graduatoria è stata esaurita. Successivamente è stata stipulata una convenzione con l’Asl di Salerno per attingere alla graduatoria aperta per la selezione a tempo indeterminato di 6 anestesisti. Su 69 idonei interpellati, ancora presenti in graduatoria, 4 unità hanno comunicato la propria disponibilità e sono stati regolarmente assunti presso l’Azienda Rummo. Al contempo è stata bandita un’apposita procedura concorsuale per il reclutamento a tempo indeterminato di dirigenti medici anestesisti, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 18 maggio 2018, e attualmente in via di espletamento”.

“Sempre nel corso della risposta – afferma il vicepresidente Mortaruolo – Bonavitacola ha affermato che l’Azienda Rummo ha richiesto ai direttori Generali di tutte le Aziende sanitarie della Campania, con nota dell’8 maggio 2018, la disponibilità a stipulare un atto convenzionale per la fruizione di prestazioni specialistiche in Anestesia e Rianimazione, e attualmente si attendono riscontri positivi in merito. Allo stato, su 24 anestesisti in organico, dal 1 giugno 2018, risultano dimissionari 5 anestesisti, vincitori di concorso presso altra Azienda Ospedaliera, per cui sono attualmente operativi 19 anestesisti, di cui 5 con limitazioni. Al fine di assicurare il rispetto dei livelli essenziali di assistenza e mitigare le ricadute sulle prestazioni offerte così da garantire la continuità assistenziale, per il periodo estivo e comunque fino all’acquisizione di ulteriori professionalità in grado di soddisfare il pieno fabbisogno dell’Azienda Ospedaliera, la Direzione Generale dell’Azienda ha proceduto, previo coinvolgimento di tutto l’organico di anestesisti presenti presso l’Unità Operativa Complessa Anestesia e Rianimazione, l’UOC Neuro-rianimazione, l’Unità Operativa Terapia Sub-intensiva e Peri-operatoria, a una redistribuzione degli spazi e delle giornate delle attività di chirurgica, assegnate alle singolo Unità Operative che devono organizzare le proprie liste di attesa sulla base di tali disponibilità”.

author
No Response

Leave a reply "Mortaruolo: Interrogazione in Consiglio. Anestesisti rianimatori al Rummo, assicurato il servizio."