Confindustria: valorizzare i giovani. Questa la nostra mission.

“Dobbiamo essere capaci di indirizzare noi l’economia del territorio. Il fattore fiducia assume un valore indispensabile. La lettura dei dati raccolti nel rapporto impone a tutta la classe dirigente locale di costruire un percorso di pianificazione strategica condivisa e fortemente promossa da tutti per evitare il progressivo svuotamento della provincia – spiega Filippo Liverini Presidente di Confindustria Benevento. In particolare dovremmo essere capaci di trattenere i nostri giovani puntando su attrazione degli investimenti, miglioramento dei servizi essenziali e una politica di sostegno ai giovani. Dobbiamo esserecapaci”.
“Bisogna conoscere per poter decidere – spiega Pasquale Lampugnale Presidente Piccola Industria Confindustria Benevento e Vice Presidente con delega al Centro Studi. Insieme per lo sviluppo è un metodo di lavoro che parte dall’analisi, dalla condivisione di obiettivi comuni, che si basa su una interlocuzione con le forze politiche utile e privilegiata in quanto esiste una questione di politica economica che coinvolge tutti e che determina non solo il consenso ma anche le condizioni di benessere della comunità”.
“Vincenzo de Luca – presidente della Regione potenzialità ne Campania dichiara che la provincia di Benevento ha molteplici potenzialità di sviluppo. Bisogna lavorare sulle ZES implementano la dotazione finanziaria. Ma altro elemento che bisogna valorizzare sono i nostri giovani. Sono molteplici le azioni che la regione sta mettendo in campo in questa direzione.
“Antonio Marchiello – Assessore attività produttive Regione Campania ha ribadito che nessun’area sarà lasciata indietro. La Regione ha messo in campo molti tavoli di lavoro per affrontare in maniera strutturale ogni singolo argomento. Sulle Zes stiamo attivando il decreto semplificazione e verificando la questione degli sgravi Irap. Stiamo lavorando su bandi relativi all’ingegneria finanziaria e sulla questione della banda larga che entro il 2020 riguarderà tutto il territorio campano.
La ricchezza prodotta in provincia è pari a 4.5 miliardi di euro e incide per il 4.4 % sul Pil regionale. Il PIl di Benevento dal 2008 al 2015 è drasticamente crollato e presenta una forte volatilità dal negli anni 2013/2014 in cui si passa dal +5.8 al -6.5 questo a supportare la tesi che bisogna attuare una politica di sviluppo su fattori stabili e non legati in modo esclusivo alla spesa pubblica o a dinamiche esterne.Il PIL della Provincia è così composto : il comparto manifatturiero rappresenta il 19% del Pil , l’agricolo il 6%, tutto il resto pari al 75% un’economia legata a servizi e commercio. Le aziende manifatturiere sono 6177 e rappresentano il 19% del PIL della Provincia (18% Campania e 24% Italia)” La frammentazione e la dimensione delle imprese determina anche un ricorso al credito difficile , la provincia di Benevento raccoglie 4.5 miliardi di € in depositi e solo 2.8 miliardi vengono impiegati a supporto del circuito imprenditoriale. Benevento rappresenta il 6% delle imprese registrate in Campania ma con uno dei tassi di imprenditorialità più alti in Italia collocando la provincia all’11° posto nel rapporto imprese/numero di abitanti.Per quanto concerne il PIL pro capite si attesta nel 2015 con 15.953 , ben al di sotto della media del Mezzogiorno pari a 19.103 e a quella nazionale 27.180. Da notare che i valori Italia Mezzogiorno e Benevento sono nel 2015 quasi pari al 2008.Le esportazioni sono poco significative , 182 mln nel 2017; 48 mln nel 1° trimestre 2018 con un + 10% ma solo l’1.7% delle esportazioni regionali e per il 50% legale alla metalmeccanica ed elettronica , l’agricoltura solo il 10%.
A moderare i Lavori Nando Santonastaso – giornalista de “Il Mattino”ed esperto di economia.

author
No Response

Leave a reply "Confindustria: valorizzare i giovani. Questa la nostra mission."