Ad una ditta di carburanti la Procura confisca beni per oltre 200mila euro.

All’esito di attività di indagini coordinate dai magistrati della Procura della Repubblica di Benevento, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Benevento hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente , emesso dal GIP del Tribunale di Benevento, per un valore di euro 207.858,60relativo a depositi bancari, beni mobili ed immobili nella disponibilità
di una ditta individuale operante nel commercio al dettaglio di carburanti per autotrazione
avente sede nella provincia sannitaAl termine delle investigazioni, avviate a seguito di una pregressa attività di verifica fiscale conclusasi nel mese di aprile del 2018, della Guardia di Finanza, è stato denunziato un soggetto di anni 59, originario di Solopaca, per il reato di cui all’art. 2 del D.L.gs 74/2000 Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti)Il Nucleo di Polizia Economico- Finanziaria
di Benevento ha, infatti, accertato che la ditta verificata aveva utilizzato fatture riconducibili ad operazioni “ soggettivamente inesistenti” documentanti costi per un ammontare complessivo di euro 979.544,00 a cui è corrisposta un’imposta sul valore aggiunto detratta per euro 207.858,60 , che costituisce l’imposta evasa.
In sede di esecuzione del provvedimento di sequestro le Fiamme Gialle sannite hanno
individuato , presso un Istituto di Credito, disponibilità bancarie riconducibili al titolare
dell’impresa pari all’intero ammontare del tributo evaso.

author
No Response

Leave a reply "Ad una ditta di carburanti la Procura confisca beni per oltre 200mila euro."